Villa Bisacco Palazzi

Vincolo del 14.01.1964

Località: via Miranese 201
Costruzione: Secolo XVII

LA STORIA

La villa è situata nel centro dell’abitato di Chirignago, nei pressi di piazza San Giorgio. E’ nota come Bisacco, ma in precedenza apparteneva alla famiglia Curnis. Attualmente è di proprietà dell’istituto religioso Don Orione ed è adibita a centro di formazione professionale per portatori di handicap. L’edificio è caratterizzato da una compatta volumetria, che segue quel particolare schema tipologico a pianta quadrata, tipico delle ville venete, nato nel cinquecento.

La pianta conserva la consueta tripartizione, evidenziata dalle due facciate, che sono uguali – una esposta a nord, verso via Miranese e una a sud, verso il parco – impreziosite solo dalla presenza di due finestre ad arco a tutto sesto con balconcino a colonnine in pietra quelle al piano nobile. Il prospetto che si affaccia verso il parco è impreziosito dalla presenza del profilo esterno di due “fogheri” situati al piano terra della villa. Il salone centrale al piano terreno, che in origine si suppone fosse privo di decorazioni, è stato nella seconda meta del XIX secolo impreziosito da affreschi commissionati dagli allora proprietari Bisacco a Luigi Da Rios, un pittore quasi sconosciuto al grande pubblico ma ben noto agli specialisti della pittura veneta dell’ 800. L’attribuzione è certa, grazie alla firma del pittore, che compare in una della quattro scene dipinte alle pareti, accanto alla data 1864. Gli affreschi mostrano delle gustose scene di genere in cui popolani ed aristocratici partecipano con uguale interesse alla vita che si svolge intorno alle piazze, in uno stile che richiama quello settecentesco di Giandomenico Tiepolo. L’ affrescatura continua anche nelle sovrapporte, dove dentro a ovali si muovono festosi dei putti.

Infine una Madonna con bambino, inserita in un tondo, è nel pianerottolo delle sale della barchessa, che si sviluppa ad oriente del corpo padronale, su due piani e parzialmente porticata.

La facciata Nord prospetta su un giardino all’italiana con vere da pozzo, una delle quali porta l’emblema di Mestre M/F (Mestre Fidelissima), e statue di nani, mentre il parco si estende nel retro del fabbricato principale. L’edificio è un luogo del FAI.

Fonti: ricerche in rete: wikipedia/villa Bisacco Palazzi – Centro “Don Orione”: “Ville della provincia di Venezia” – Elena Bassi – Ed. Rusconi – 1987; “Ville Venete – Decreti di vincolo e relazioni storico – artistiche” – Istituto Regionale Ville Venete – Marsilio Editori – 1994.