Villa Raspi con barchessa, parco e giardino

Vincolo del 07.06.1963

Località: via Miranese 329
Costruzione: Secolo XVI

LA STORIA

La villa sorge lungo la via Miranese, al centro del vecchio abitato di Chirignago e presenta il fronte nord verso la strada, mentre la facciata sud è rivolta verso il parco; è un esempio tipico di residenza temporanea. L’edificio presenta caratteristiche proprie del Cinquecento: canne fumarie di camini sulla facciata, finestra a serliana (*) del piano nobile con poggiolo. La datazione

Cinquecentesca si rileva anche nella distribuzione dei pieni e dei vuoti su entrambe le facciate principali. All’interno si conservano due dipinti su tela del seicento. Appartengono al complesso anche la grande barchessa ad arcate, il parco e il giardino all’italiana.

L’edificio ha subito rimaneggiamenti nel tempo, non solo all’interno ma anche all’esterno. Del parco all’italiana si conservano solo alcune parti sul lato nord, mentre ben poco è riconoscibile sul lato sud. A testimonianza dell’antica bellezza, rimane la vera da pozzo. Notevole la cancellata prospiciente via Miranese, in ferro battuto con la sigla “S.R.” – Sebastiano Raspi – il più antico proprietario.

La proprietà è poi passata alle famiglie Barozzi, Saviane, Saccardo, Vereni e Vadalà. Nel 1978 il complesso è stato sottoposto ad intervento di risanamento conservativo. Come si è detto, le facciate hanno subito vari interventi, per adeguarle alle mutate esigenze funzionali; è rimasta praticamente intatta solo la facciata nord. La barchessa oggi viene affittata come casa vacanze.

(*) Elemento architettonico composto da un arco a tutto sesto affiancato da due aperture sormontate da un architrave. Tra l’arco e le due aperture sono collocate due colonne.

Fonti: ricerche in rete: Barchessa Villa Raspi; “Ville della provincia di Venezia” – Elena Bassi – Ed. Rusconi – 1987; “Ville Venete – Decreti di vincolo e relazioni storico – artistiche” – Istituto Regionale Ville Venete – Marsilio Editori – 1994.